Risultati della ricerca

Hai cercato "Lenti a Contatto"

37 risultati trovati

Clinica

...vizio ai cittadini: visite optometriche gratuite Nell’ambito del programma di interventi sul territorio a supporto della salute e della prevenzione dei problemi della vista, l’IRSOO ha avviato un servizio gratuito di visite optometriche, accessibile su appuntamento a tutti i cittadini che ne facciano richiesta. Le visite si effettuano nei locali dell’Istituto, solitamente in orario pomeridiano. Per prenotare un appuntamento gli interessati possono contattare la segreteria IRSOO. Servizio di supporto agli ottici e agli optometristi Dal 2014 l’IRSOO ha esteso il servizio di visite optometriche gratuite a favore degli ottici e degli optometristi che operano sul territorio, ai quali l’Istituto mette a disposizione la propria struttura, con tutte le attrezzature più avanzate, e i propri professionisti, dando la possibilità di inviare all'IRSOO i pazienti più difficili per un consulto, eventualmente accompagnandoli, in modo da poter seguire “in diretta” il caso nei suoi sviluppi. Oltre ad una serie di attrezzature per la valutazione delle caratteristiche delle strutture oculari e delle funzionalità visive, non sempre facilmente reperibili sul territorio, ci sono oggi all’Istituto le conoscenze e le competenze necessarie per affrontare una molteplicità di problematiche inerenti il comfort visivo, la tollerabilità dell’ausilio ottico, l’applicazione delle lenti a conta...

Corsi di ottica

...to di accesso: titolo di scuola secondaria superiore Corso curriculare: 2 anni scolastici; lezioni infrasettimanali. Corso per lavoratori: 2 anni scolastici; lezioni di domenica e lunedì. Negli ultimi anni la professione di ottico è balzata all’attenzione della stampa nazionale per l’elevata richiesta di questa figura dal mercato dell’ottica e dunque per l’elevata finalizzazione occupazionale del relativo corso di formazione. Il corso di Ottica che si tiene all’IRSOO si caratterizza proprio per portare in tempi brevi ad una percentuale di occupazione lavorativa prossima al 100%. Il corso biennale di ottica tenuto presso l’IRSOO fa parte di un più ampio percorso formativo in ottica e optometria, finalizzato a fornire ai partecipanti un livello di preparazione in ambito ottico-optometrico quanto più completo possibile, paragonabile a quello che si consegue in altri paesi europei. Tale percorso si articola in due fasi: i primi due anni (corso biennale di ottica) sono dedicati alla formazione necessaria a sostenere l’esame per il conseguimento dell’abilitazione alla professione di Ottico, denominata anche “Licenza di Ottico”; il terzo anno è indirizzato alla specializzazione in Optometria, con il conseguimento del relativo titolo finale. Al termine dei primi due anni, dopo avere conseguito la Licenza di Ottico, gli allievi hanno dunque le seguenti opportunità: dedicarsi all’attività professionale di ottico (in questo caso sono previste varie possibilità di inserimento nel mondo del lavoro, come descritto più avanti al paragrafo sbocchi occupazionali); proseguire gli studi e la propria formazione nel settore con la specializzazione in optometria. Perché scegliere Vinci? L’IRSOO è un ambiente senza pari, che si configura come un vero e proprio college universitario dove i ragazzi possono dedicarsi allo studio, alla ricerca e alla costruzione di rapporti interpersonali, allenandosi a lavorare in team. Una esperienza formativa che nel settore non ha eguali in altre strutture quanto a completezza e varietà delle attività, grazie anche a quelle extracurriculari a supporto della formazione di base. Obiettivi formativi e di competenza Al termine dei corsi di ottica il partecipante sarà in grado di: scegliere la soluzione correttiva, occhiali o lenti a conta...

Corso annuale di Optometria

...to di accesso: diploma di Ottico Il corso, della durata di un anno scolastico, rappresenta l'ideale continuazione di quello di ottica ed è indirizzato all’approfondimento dei temi fondamentali dell’optometria e all’acquisizione di abilità e competenze che permettano di esercitare di fatto la professione optometrica nei limiti indicati dalla giurisprudenza, tutto ciò aumentando le possibilità di inserimento nel mondo del lavoro e di miglioramento della propria posizione lavorativa. Le lezioni si tengono dal martedì al venerdì. Perché scegliere Vinci? L’IRSOO è un ambiente senza pari, che si configura come un vero e proprio college universitario dove i ragazzi possono dedicarsi allo studio, alla ricerca e alla costruzione di rapporti interpersonali, allenandosi a lavorare in team. Una esperienza formativa che non ha eguali in altre strutture quanto a completezza e varietà delle attività, grazie anche a quelle extracurriculari a supporto della formazione di base. Unica realtà italiana dove sono contemporaneamente attivi i corsi di Ottica e Optometria, la Laurea in Ottica e Optometria e il Centro di Ricerca in Scienze della Visione. Un corso che fornisce conoscenze, abilità ed esperienze ai più alti livelli per emergere professionalmente nel panorama italiano e competere con i colleghi stranieri. Obiettivi formativi e di competenza Al termine del percorso formativo, che garantisce, tra le tante altre, conoscenze di ottica fisica e visuale, di psicofisica e psicologia, di neurofisiologia e patologia, abilità e competenze su tecniche specifiche per il trattamento dei difetti visivi e per il miglioramento delle funzionalità visive, e sui protocolli riabilitativi che escludono l'uso di farmaci e di interventi chirurgici, l’Optometrista sarà in grado di: - esaminare i soggetti relativamente alle deficienze puramente ottiche della vista, alla corretta funzionalità dei vari apparati che concorrono alla percezione visiva e all’efficienza della funzionalità visiva nel suo complesso; - prescrivere il dispositivo medico correttivo e/o compensativo su misura (fino alla classe IIA) idoneo per il soggetto esaminato; - svolgere attività di training visivo, di educazione visuoposturale, di trattamento dell’ipovisione e, in generale, tutte quelle attività dirette alla salvaguardia della visione che non comportino uso di farmaci, accertamento di malattie o esecuzione di attività di tipo invasivo, quali ad esempio la chirurgia refrattiva. Contenuti didattici Il piano di studi dei corsi di optometria prevede sia lezioni teoriche che esercitazioni pratiche. Queste ultime si svolgono nei locali di ambulatorio, dotati di una vasta e completa gamma di attrezzature e strumenti sia classici che d’avanguardia, e vengono eseguite a gruppi ristretti di partecipanti, in modo da dare a tutti la possibilità di sperimentare l’attività di pratica optometrica. Nei laboratori optometrici dell’Istituto viene inoltre eseguita, fuori dall’orario delle lezioni, una consistente attività di misura della vista e delle funzioni visive a pazienti provenienti dal Circondario, in modo che gli allievi possano seguire direttamente una vera attività clinica ed esercitarla essi stessi sotto la supervisione dei docenti. Oltre all’attività clinica il percorso formativo è supportato, sempre fuori dall’orario delle lezioni, sia da attività di Tutoring, con insegnanti a disposizione per chiarimenti e approfondimenti, sia dalla disponibilità di un’ampia varietà di riviste e di testi scientifici italiani e stranieri, per studio e approfondimento, presenti nella biblioteca dell’Istituto. Il percorso formativo prevede i seguenti corsi: Ottica visuale - Optometria - Optometria pediatrica e sviluppo del sistema visivo - Lenti a conta...

Corso biennale di Optometria

...to di accesso: diploma di Ottico Il corso biennale, che presenta gli stessi contenuti del corso annuale, si articola in 24 incontri distribuiti in due anni scolastici con frequenza la domenica e il lunedì, ed è stato pensato per tutti gli ottici che già hanno un'attività avviata. Rappresenta l'ideale continuazione di quello di ottica ed è indirizzato all’approfondimento dei temi fondamentali dell’optometria e all’acquisizione di abilità e competenze che permettano di esercitare di fatto la professione optometrica nei limiti indicati dalla giurisprudenza, aumentando le possibilità di miglioramento della propria posizione lavorativa. Perché scegliere l’IRSOO? Una esperienza formativa che nel settore non ha eguali in altre strutture quanto a completezza e varietà delle attività, grazie anche a quelle extracurriculari a supporto della formazione di base. Con la partnership con l’Università di Firenze e l’apertura del Centro di Ricerca, si è venuta a creare a Vinci una condizione assolutamente unica nel panorama italiano dell’Ottica: la presenza del corso di ottica e di optometria, del corso di laurea in ottica e optometria e di un Centro di Ricerca al quale gli studenti possono accedere per entrare in contatto con ...

Corso di Contattologia

... Accesso con diploma di Ottico Il 96% dei partecipanti a edizioni precedenti dichiara che il corso è stato utile ad incrementare le proprie conoscenze, competenze ed abilità professionali Presentazione Il corso si svolge a Vinci presso l'Istituto di Ricerca e di Studi in Ottica e Optometria. Articolato in 4 incontri di due giorni ciascuno (domenica e lunedì), il corso ha un taglio “pratico”, con numerose esercitazioni di laboratorio. Ciò significa non soltanto dare le conoscenze teoriche, ma soprattutto addestrare all’esecuzione pratica della contattologia...

06/10/2014 - "La ricerca optometrica e la sua rilevanza clinica"

...Alcon, CSO, Esavision, Essilor, Hoya e Zeiss sostengono il 1° Congresso IRSOO L’IRSOO INNOVA LA FORMULA CONGRESSUALE “Congresso molto interessante per i temi proposti, professionisti seri e competenti. Temi stimolanti e interessanti, di assoluta rilevanza clinica. Chiarezza espositiva dei relatori e docenti; ciascun argomento è stato trattato da più punti di vista. Puntualità, chiarezza argomenti. Positivo è stato dare spazio ai giovani. La possibilità di prendere appunti direttamente sul fascicoletto degli atti del congresso. E' stato dinamico, puntuale, accattivante. Tavola rotonda e dibattito con la platea. Ottima impostazione delle sessioni, fluente e scorrevole, facile mantenere attenzione. Esperienza molto positiva che mi ha arricchito personalmente e culturalmente, ha stimolato molto la mia "sete" di conoscenza e la mia curiosità.” Questi sono alcuni dei commenti riportati dai partecipanti nei questionari di valutazione compilati al termine dell’evento, che ben evidenziano gli elementi di forza e di originalità che hanno caratterizzato il primo congresso dell’IRSOO: la scelta degli argomenti, di assoluto rilievo nella pratica clinica giornaliera; la serietà e la competenza mostrate dai relatori, molti dei quali giovani optometristi, diplomandi o neodiplomati; la puntualità; la possibilità di prendere appunti direttamente sul fascicolo degli atti del congresso; il confronto che si è sviluppato tra professionisti e il dibattito con la platea. Quattro gli argomenti di base, tutti avvincenti e stimolanti per i partecipanti che, grazie alle tavole rotonde con gli esperti, hanno potuto trarre spunti e suggerimenti sul controllo del comfort della correzione ottica, sull’importanza dei test di lettura, sulla gestione dei pazienti con problemi di occhio secco e su come includere il controllo della progressione miopica nella propria attività optometrica. L’aspetto innovativo più rilevante del primo congresso dell’IRSOO è che forse per la prima volta in Italia un congresso è stato basato essenzialmente su lavori sperimentali effettuati sul posto, piuttosto che su riportare i risultati dei lavori fatti in altre parti del mondo. Tutto ciò è stato possibile perché finalmente si è cominciato a fare ricerca optometrica anche in Italia; non soltanto all’IRSOO naturalmente, ma anche nei corsi universitari, dove la ricerca è istituzionale. I giovani neo optometristi, o in procinto di diventarlo, hanno presentato i loro lavori sperimentali originali, che sono stati poi commentati e discussi dai loro docenti e da relatori professionisti ed esperti ben noti nel nostro ambiente, che hanno cercato di evidenziare come i temi trattati possano influenzare la pratica optometrica quotidiana, realizzando in tal modo lo spirito del congresso, così come indicato dalla stesso titolo: “La ricerca optometrica e la sua rilevanza clinica”. Da segnalare ancora la formula innovativa adottata per la realizzazione delle varie sessioni nelle quali era stato diviso il congresso, ognuna delle quali terminava con una tavola rotonda con conduttore, aperta agli interventi dalla platea dei partecipanti e dedicata alla discussione e all’approfondimento di temi “caldi” dell’attività clinica di tutti i giorni, dai quali sono scaturiti indicazioni, idee, spunti e suggerimenti da applicare nella pratica giornaliera. Innovativo anche il volumetto degli atti del congresso organizzato in modo tale da poter costituire uno strumento di lavoro durante lo svolgimento dell’evento e un manuale di studio e approfondimento dei temi trattati, in tempi successivi. Infine la puntualità, un pregio a torto poco ricercato e apprezzato in Italia; inizio con soli otto minuti di ritardo, rispetto della durata prevista per le singole sessioni e termine all’orario prefissato. Questo congresso ha rappresentato il naturale sviluppo e complemento del convegno dedicato ad Antonio Madesani (docente 'storico' molto apprezzato da chi lo ha conosciuto, recentemente e prematuramente scomparso), svolto la scorsa primavera, in cui gli studenti dell’ultimo anno dei corsi di Optometria dell’IRSOO avevano presentato i loro lavori di ricerca ai colleghi più giovani. Il livello delle relazioni era stato tale da far nascere il desiderio di condividere questa positiva esperienza non solo fra gli studenti e i docenti attualmente a scuola, ma anche con i colleghi che, usciti dall’ambiente didattico, si dedicano esclusivamente all’attività di optometrista e di ottico nell’ambito clinico. I giovani relatori, tutti appena laureati o diplomati o in procinto di esserlo, sono stati i veri protagonisti del Congresso del 6 ottobre, a fianco di un nutrito panel di docenti ed esperti: Laura Boccardo, Antonio Calossi, Fabio Casalboni, Carlo Falleni, Alessandro Fossetti, Mauro Frisani, Giovanni Giacomelli, Luigi Lupelli, Silvio Maffioletti, Angie Minichiello, Luciano Parenti, Salvatore Pintus, Anto Rossetti, Paolo Soragni, Paolo Sostegni, Roberto Volpe e Fabrizio Zeri. Nella prima sessione, dedicata al comfort della correzione ottica, è stato presentato il lavoro svolto dall’optometrista Ilona Dzialak che ha confrontato la Wesson Card, il test di Weiss e l’unità di Mallett nella misura della disparità di fissazione per vicino; Mariateresa Colombino, laureata in Ottica e Optometria (Università di Firenze), ha presentato il lavoro svolto presso la nostra scuola sulle variazioni indotte sulla disparità di fissazione da uno stress visivo artificialmente procurato. Nella seconda sessione, dedicata alla misura della velocità di lettura come indice delle perfomance visive in visione prossima, Paolo Bini, diplomando in Optometria (IRSOO – Vinci), ha parlato di “Affidabilità e ripetibilità della versione italiana delle tavole di lettura di Radner”, illustrando i risultati di uno studio sperimentale condotto con la collega Giulia Ferretti; Filippo Cenni, laureando in Ottica e Optometria (Università di Firenze), ha presentato un lavoro sulle capacità di lettura in pazienti affetti da patologie maculari; Alessandra Brattoli, diplomanda in Optometria (IRSOO – Vinci), ha presentato i risultati scaturiti da un lavoro svolto con la collega Caterina Ferraro con la relazione dal titolo “Che cosa misura davvero il DEM test?” La terza sessione era dedicata ai segni e ai sintomi dell’occhio secco, un tema molto discusso in questi ultimi anni, soprattutto nel campo delle lenti a conta...


Link utili

... AILAC – Accademia Italiana Lenti a Conta...

Corso di Contattologia
Vinci, Febbraio-Maggio 2015

... Accesso con diploma di Ottico Calendario incontri 22-23/02/2015; 22-23/03/2015; 19-20/04/2015; 10-11/05/2015 Il 96% dei partecipanti a edizioni precedenti dichiara che il corso è stato utile ad incrementare le proprie conoscenze, competenze ed abilità professionali. Il corso avrà un taglio “pratico”, con numerose esercitazioni di laboratorio. Ciò significa non soltanto dare le conoscenze teoriche, ma soprattutto addestrare all’esecuzione pratica della contattologia...



Tesi optometria 27 marzo 2015

...a con lenti a contatto. Quale soluzione adottare?”. Relatore: Carlo Falleni. Scopo dello studio era la valutazione delle diverse strategie di correzione della presbiopia con lenti a conta...

Corso di Contattologia
Vinci, Settembre-Dicembre 2015

... Accesso con diploma di Ottico Calendario incontri 27-28/09/2015; 18-19/10/2015; 08-09/11/2015; 06-07/12/2015 POSTI ANCORA DISPONIBILI! Il 96% dei partecipanti a edizioni precedenti dichiara che il corso è stato utile ad incrementare le proprie conoscenze, competenze ed abilità professionali. Il corso avrà un taglio “pratico”, con numerose esercitazioni di laboratorio. Ciò significa non soltanto dare le conoscenze teoriche, ma soprattutto addestrare all’esecuzione pratica della contattologia...

03/06/2015 - Congresso SOPTI "L'evoluzione della clinica optometrica negli ultimi venti anni"

...delle lenti a contatto: dopo venti anni di professione e di miglioramento del servizio alle esigenze del paziente, come è cambiato, se lo è, il ruolo sociale dell’optometria in Italia? A questa domanda sono chiamati a rispondere 35 relatori di varia provenienza disciplinare, che porteranno il loro contributo e condivideranno le loro conoscenze su temi che ben rappresentano i pilastri dell'optometria: la refrazione, nello specifico quella in età pediatrica, la contattologia, p...


28/08/2015 - Chi può esercitare l’Optometria: il dibattito si accende

...iopi, lenti a contatto ed ausili ipo. NB gli iscritti al Minisal possono fornire in tutte le regioni, non solo nella loro, quindi se alcune regioni obbligano ad utilizzare strumenti la possibilità di averli è per tutti. Non credo che il possesso e l’uso di strumenti particolari sia in discussione in alcun modo, premesso che tali apparecchiature non prevedano il contatto con l’o...

Tesi optometria 17 luglio 2015

...i due lenti a contatto differenti”. Relatore: Carlo Falleni. Obiettivo: Valutare il warpage corneale indotto dall’uso giornaliero di due lenti a conta...




Corso di Contattologia
Vinci, Febbraio-Maggio 2016

... Accesso con diploma di Ottico Calendario incontri 21-22/02/2016; 20-21/03/2016; 17-18/04/2016; 22-23/05/2016 Il 96% dei partecipanti a edizioni precedenti dichiara che il corso è stato utile ad incrementare le proprie conoscenze, competenze ed abilità professionali. Il corso avrà un taglio “pratico”, con numerose esercitazioni di laboratorio. Ciò significa non soltanto dare le conoscenze teoriche, ma soprattutto addestrare all’esecuzione pratica della contattologia...


Tesi optometria 27 novembre 2015

...amite lenti positive”. Relatore: Sostegni Paolo. Votazione conseguita da Bardi 110/110. Scopo: Catalogare i soggetti in base alle anomalie della visione binoculare nella visione prossimale secondo la sintesi di Crossman e valutare eventuale prescrizione di lenti posi...


Tesi optometria 31 marzo 2016

...i con lenti a geometria inversa esacurve a fini ortocheratologici. I soggetti scelti per questo studio sono in tutto otto con miopia di valore compreso tra le 0,75 e le 4 diottrie trattati per un mese. Per un soggetto con cornea a toricità più elevata si è reso necessario l'utilizzo di lenti a conta...



Tesi optometria 27 giugno 2016

...ta di lenti a contatto atte a modificare temporaneamente la curvatura corneale in modo tale da compensare l’errore refrattivo. Le variazioni del profilo corneale che ne conseguono e che sono evidenziabili attraverso topografia corneale, risultano efficaci per la correzione della miopia di valore basso e medio. Il lavoro è stato suddiviso in sei capitoli, nei primi dei quali si è trattato della storia dell’ortocheratologia, dei meccanismi di azione, dei protocolli operativi per l’efficacia e la sicurezza, del positivo effetto sul contenimento della miopia. Nell’ultimo capitolo sono stati presi in esame due portatori analizzando il caso dal primo esame preliminare alla scelta della lente fina...

05/09/2016 - IRSOO presente con un numero rilevante di relatori all’XI convegno SOPTI

...terrà a Cesenatico il prossimo convegno SOPTI, l’11 e 12 settembre, in concomitanza con il trofeo “Triathlon Città di Cesenatico", in programma nelle giornate di sabato 10 e domenica 11 settembre 2016. Oltre che con Laura Boccardo, componente della segreteria scientifica insieme a Laura Livi, l’IRSOO sarà presente con numerosi docenti che terranno relazioni su vari argomenti collegati al tema della visione nello sport, a partire dalle metodiche di indagine, illustrate in due relazioni da Silvio Maffioletti e Carlo Falleni, per passare alle correzioni ottiche e optometriche, presentate in tre interventi da Antonio Calossi, Paolo Soragni e Massimiliano Iaia, fino al Training Visivo, illustrato in un case report da Edoardo Franceschi, e all’importanza del tempo di esposizione alla luce naturale nella prevenzione della miopia, trattata da Alessandro Fossetti. Molti altri, interessanti temi, saranno presentati da altrettanti relatori competenti, in un convegno pensato per sottolineare il ruolo fondamentale dell’optometria nella prevenzione e nel mantenimento del benessere visivo, anche nel pubblico degli sportivi, professionisti e amatori. Domenica mattina dunque la prova del triathlon, 1,5 km a nuoto, seguiti da 40 km in bici, e a finire 10 km di corsa sul lungomare di Cesenatico. Tutti invitati a partecipare all’evento, poi, a seguire, il Convegno SOPTI. Il giorno successivo ancora relazioni al mattino e nel pomeriggio un incontro IACLE con Judith Morris, Presidente regionale IACLE per Europa, Medio Oriente e Africa. L’associazione internazionale IACLE si occupa di fornire risorse ed informazioni essenziali agli educatori di ottica delle lenti a conta...

I nuovi fondamenti delle lenti a contatto RGP
Vinci, Febbraio-Aprile 2017

... Accesso con diploma di Ottico Calendario incontri 12-13/02/2017; 12-13/03/2017; 09-10/04/2017 Se non sei un esperto, comincia a guardare più a fondo nel mondo delle lac RGP, iscriviti al nuovo corso dell’IRSOO! Le competenze e le tecniche di base, aggiornate alle nuove conoscenze scientifiche, ai nuovi metodi di indagine e ai risultati della ricerca clinica. Perché questo corso Potrai comprendere tutti i vantaggi dell’applicazione delle lenti RGP ...


Tesi optometria 30 settembre 2016

...delle lenti a contatto rigide: confronto tra simulazione topografica ed immagine reale”. Relatore: Falleni Carlo. Nella tesi sono state confrontate alcune immagini fluoresceiniche di lenti a conta...

Corso di Contattologia
Vinci, Settembre-Dicembre 2017

... Accesso con diploma di Ottico Calendario incontri 24-25/09/2017; 15-16/10/2017; 05-06/11/2017; 03-04/12/2017 Il 96% dei partecipanti a edizioni precedenti dichiara che il corso è stato utile ad incrementare le proprie conoscenze, competenze ed abilità professionali. Perché questo corso Scopo del corso è quello di fornire la preparazione di base necessaria ad affrontare con relativa sicurezza l’applicazione delle lenti a conta...

Optometria pediatrica: la visione nell'apprendimento del bambino
Vinci, Maggio-Ottobre 2017

...Accesso con diploma di Ottico Posti ancora disponibili! Metodologie, strumenti e tecniche per la valutazione delle abilità visive dei bambini in età scolare. Calendario incontri 14/15 Maggio; 11/12 Giugno; 2/3 Luglio; 3/4 Settembre; 1/2 Ottobre 2017 Perché questo corso Lo sviluppo delle abilità visive del bambino in relazione alla crescita e all’impegno scolastico culmina, all’ingresso nella scuola dell’obbligo, con uno dei compiti più complessi al quale viene sottoposto nel corso della sua crescita, cioè imparare a leggere. Il corso descrive le abilità visive implicate nel percorso scolastico e precisa la loro rilevanza ai fini della lettura. La valutazione visiva del bambino viene descritta nelle sue varie aree e attraverso gli specifici test, in un percorso formativo di cinque incontri, finalizzati a studiare e sperimentare le procedure per l’esame refrattivo, l’analisi delle abilità accomodative, oculomotorie e binoculari. L’incontro finale sarà dedicato alla discussione di case report, trattando ampiamente come saper redigere una relazione adeguata per la costruzione di corretti rapporti interdisciplinari. Le lezioni teoriche e la descrizione dei test verranno affiancate, come d’uso all’IRSOO, da molte ore di pratica negli ambulatori optometrici dell’Istituto. Durante le lezioni di pratica sarà dato modo ad ogni partecipante di esercitarsi nelle varie tecniche presentate, sotto la guida e il controllo dei docenti. I temi del corso si svilupperanno secondo uno schema che ripercorre lo sviluppo del sistema visivo e adotta il modello di Scheiman e Rouse. Contenuti del corso Le basi: - Lo sviluppo della visione del bambino - Lo sviluppo delle abilità visive funzionali del bambino - Le abilità visive del bambino e la loro rilevazione: aspetti psicometrici e metodologici - Le retinoscopie dinamiche. Il modello visivo delle tre aree di Scheiman e Rouse: 1° area: l’integrità della funzione visiva - L’acutezza visiva del bambino: inquadramento teorico e test specifici - La condizione rifrattiva del bambino: inquadramento teorico e test specifici - La visione dei colori. 2° area: l’efficienza visiva - Le abilità accomodative del bambino: inquadramento teorico e test specifici - Le abilità binoculari del bambino: inquadramento teorico e test specifici - Le abilità oculomotorie del bambino: inquadramento teorico e test specifici. 3° area: il processamento dell’informazione visiva - Abilità visuomotorie, abilità di analisi visiva e abilità visuospaziali del bambino - La corretta esecuzione e registrazione dei test optometrici - La valutazione dei risultati dei test standardizzati (quantili e deviazione standard) - L’Analisi Visiva Integrata (AVI) di Scheiman e Wick - Le abilità visive e la lettura. Protocolli d’esame e impostazione delle attività di un centro optometrico dedicato: - Il protocollo d'esame per i bambini in età prescolare - Il protocollo d'esame per i bambini in età scolare - Casi specifici e loro discussione in aula - La corretta postura e impugnatura del bambino - Gli occhiali nel bambino - Le lenti a conta...

Tesi optometria 12 dicembre 2016

...della lente positiva per la dominanza sensoriale. Il test dello specchio, l’unico per vicino, è stato somministrato dopo gli altri. Risultati. Analizzando i dati relativi alla dominanza motoria si vede come, nel 60% dei soggetti, la dominanza non cambia tra lontano e vicino, mentre nel restante 40% invece sì. Nella visione da lontano l’occhio sinistro risulta mediamente più dominante, mentre da vicino è il destro. Più complicata è stata la valutazione della dominanza sensoriale. A seconda del test proposto, alcuni soggetti danno risposte diverse risultando dominanti destri con un test e sinistri con un altro. Conclusioni. In soggetti dove la dominanza sensoriale è poco marcata, a seconda del test proposto si possono avere risultati opposti rendendo più incerto il bilanciamento dell’accomodazione. In questi casi, nella pratica clinica, poco importa quale dei due occhi vede meglio dell’altro, ma diventa rilevante che tra i due occhi ci sia la minima differenza percettiva. BUA LUIGI, DI CARLO MATTIA Titolo della tesi: “Refrazione oggettiva con aberrometro monoculare e autrorefrattometro binoculare confrontate con refrazione soggettiva monoculare e binoculare”. Relatore: Migliori Giuseppe, correlatori: Fossetti Alessandro e Sostegni Paolo. Scopo: Lo scopo dello studio è confrontare la refrazione oculare valutata con diverse tecniche strumentali. Sono stati utilizzati un aberrometro CSO OSIRIS, un autorefrattometro a campo aperto Grand-Seiko WAM-5500, e procedure soggettive di tipo monoculare e binoculare. Metodi: Sono stati esaminati 80 soggetti sani; due operatori hanno adottato due procedure diverse di refrazione su tutto il campione. Un operatore ha sottoposto tutti i pazienti ad un'aberrometria totale, ad un test Duochrome e ad una refrazione soggettiva monoculare con occhiale e lenti di p...


13/06/2017 - Grande soddisfazione per l’IRSOO al BCLA

...sulla contattologia con tre poster scientifici realizzati su progetti di ricerca. Antonio Calossi vince per la terza volta la Photo Competition. Altri italiani in evidenza, primo tra tutti Fabrizio Zeri, premiato per il miglior lavoro di ricerca. L’optometria italiana eccelle ancora una volta in un contesto internazionale e raccoglie grandi soddisfazioni al congresso della British Contact Lens Association (Liverpool, 9-11 giugno), il maggiore convegno europeo di lenti a conta...